Litfiba – Istanbul (1985)

Tratto da Desaparecido – l’album d’esordio della storica band fiorentina – Istanbul è un pezzo che ben rappresenta i vertici raggiunti dalla new wave italiana. Emozionante in ogni sua parte (dal giro di tastiera al basso pulsante), a distanza di 32 anni continua a essere un brano intensissimo, sicuramente tra le mie canzoni preferite degli anni ’80.

Ho viaggiato nel freddo
faccia a faccia
con la mia ombra che si gettava
nel bianco velo del tempo
Istanbul Istanbul

Ho viaggiato nel freddo
senza volto senza età
pilotando un corpo senza guida
a Istanbul
Istanbul baluardo sacro per
l’incrocio delle razze degli uomini brucerà

L’ho cercato nel freddo
se ne stava solo là
il mio volto nel fango
di Istanbul,
Istanbul baluardo sacro per
l’incrocio delle razze degli uomini brucerà

Forze oscure in Istanbul
Istanbul, Istanbul
Forze oscure in Istanbul
Istanbul, Istanbul

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...