Spleen (Song #15)

Brano risalente al 2011, forse il mio brano più “debitore” a Ivan Graziani.

Come su un pavimento che si dissolve
si può cadere troppo giù.
“Mi dia 100 grammi di dignità,
li mangio stasera,
che tanto nessuno se ne accorgerà”.
Che strano risveglio,
se tocco il soffitto
da buon pipistrello resto su!
Mi invento una porta,
una via d’uscita,
che sia ben nascosta: tornerò.
Raggi di sole
mi sembrano spine,
corriamo in cantina
a rinfrescarci un po’.
Stanotte ho la febbre
ma poi vedrai,
vedrai che mi scende:
bisogna domarla
questa malattia.
Che strano tormento
qui sul pavimento,
ma cosa ci faccio
e perché?
Cosa mi son perso?
Mi sento di legno
e non ho più voce,
forse morirò qui…

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

4 pensieri riguardo “Spleen (Song #15)”

  1. Ogni tanto torno ad ascoltare alcune tue canzoni. Questa mi è piaciuta sia per il ritmo che per la scelta delle parole/immagini. Lo Spleen del titolo mi ha inevitabilmente ricordato la poetica di Baudelaire. Spero che quando sarà passato il periodo impegnativo ne pubblicherai altre. 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...