Giovanni Deve Morire

Che strani questi inglesi
che impagliano fantasmi
di germogli alcolici
chiamandoli per nome.
Spezzandogli le gambe
con tempie infragorate
di leggende
scarabocchiano
canti di sangue,
mangiano il dio
con busto di botte
e arti di spighe.
Vorrei scivolarmi dentro
svuotando il bicchiere,
ed incontrare John
per stringergli la mano
nel mio stomaco,
a questo pugno d’orzo
che i vecchi fa cantare
fermentando le lingue.
Ho sputato l’ombra
di John,
mi piantava radici in gola.
Ho attaccato le ingegne
all’asino,
gira-gira e lo sbocco via,
poi guardo la sua schiena dorata
che s’allontana gracchiandomi
di fieno:
é un campanile di pula.
Va John dai cari vecchi
a finger di morire,
perché deve morire,
per nascer dal suo seme.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

2 pensieri riguardo “Giovanni Deve Morire”

  1. Conoscendo l’origine dell’ispirazione che ha dato vita a questo testo sono riuscita a comprenderlo e ad apprezzarlo pienamente. Sono sicura che se avessi letto la poesia senza riferimenti sarei rimasta spaesata. Qualcuno che non sa, infatti, penso potrebbe trovare diverse interpretazioni o farsi venire mille domande. Le immagini che mi hanno colpito di più sono due: “Ho sputato l’ombra/di John,/mi piantava radici in gola” e i quattro versi finali. Una poesia davvero molto bella! Complimenti!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...