Antichi Cormorani Urbani

Dal basso verso l’alto s’accartoccia
l’iride smisurata,
scivolando al contrario
sulla bionda rampa di scale,
col corrimano verniciato d’ore trascorse.
Io rotolo nel vetro della mia testa
dal basso verso l’alto,
con gli occhi-cormorani invertiti,
inghiottiti in un mare d’aria nera,
e fingo d’essere un ascensore,
staccandomi dal corpo:
ad ogni piano risalito è tutto più scuro.
E fingo d’essere metà bambino,
per conservare l’immaginazione di quel tempo,
la porta di legno,
il postino in bicicletta,
un magazzino di verdure
e il fischio del giusto treno che mi riconsegna
mio padre.
Dall’alto verso il basso,
mi ritiro,
tumefatto dal buio del terzo piano,
ma sempre rigido, col piede sul primo gradino.
Poi apro il portone,
ed esco, con un pensiero in bocca,
senz’acqua né becco,
a sciacquarmi di luce.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...