Una Vacanza (solo un divertente blackout)

Palpita come un cuore di nuvola
l’estate attorcigliata nella testa
di farfalle gelate,
sospese come le statue umane
sorprese a Pompei.
Forse la morte é un punto di vista,
un buco di silenzio,
e in questa slabbratura
(chiamiamola villeggiatura)
vorrei farci una vacanza breve,
nella testa delle farfalle gelate,
per vedere com’è.
Dimenticarmi ora d’esser vivo
prima di diventare
antiquariato da cimiteri,
che sono solo gli uffici
dei corpi smarriti
in epopee di preghiere,
esondate dalle gole
e spazzate via
dai custodi (di) ogni sera.
Io corro quindi
in qualche testa,
spertugio grotte spettinate di luce,
pasticcio qui e là
su pupille di burro,
sulle calotte
dei vivi, maleducandoli bene.
È una vacanza dai sensi,
ma intanto io incido
graffio
squamo
scrollo
buco
sgravo
affilo:
se questa è la mia morte,
sopravviverò nelle toilette
dei cervelli,
bicarbonandomi di leggerezza,
quando sarò anch’io
un divertente blackout
di farfalla gelata.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...